Archive for i believe

carol stranigiorni

Credetemi, quando accettai, non senza esitazioni, di parlare del Papero della Mop, non avrei certo immaginato che tutto questo sarebbe diventato quasi come un lavoro. Ricordo ancora quando decisi, con sfrontatezza quasi giovanile, di scrivere un post su di lui, sfacciato e osceno argomento tabù da generazioni. E ricordo la sorpresa con cui notai che le mie parole erano stati come macigni nel putrido stagno della blogsfera. Fui accusato di paganesimo e ricevetti offese, anche gravi.
Ma non mi fermai e le conseguenze di tutto questo, il risultato di uno scomodo sasso che rotola ormai da anni, li ho sotto gli occhi ogni giorno. Ogni volta che apro la mia casella di posta dedicata a lui.
Quotidianamente ricevo lettere di persone, anche insospettabili professionisti, che mi fanno domande, mi chiedono, con la curiosità degli indecisi, di parlare di lui, chiedendomi maggiori informazioni, o magari qualche parola di conforto. Chi cerca comprensione e chi cerca assoluzione, chi cerca un segno oppure una ragione per smettere di soffrire.
E io, che posso fare? Non voglio certo liquidarli, oppure offrire uno sbrigativo vitello d’oro perché possano credere. Piuttosto cerco di capirli e, per quanto possibile, amarli.
Oggi voglio pubblicare tre mail giunte stamani, di persone che a loro modo hanno trovato una strada, e le riporto come messaggio di speranza.

Caro Stranigiorni, l’altro giorno sono andato alla MOP e vedendo il Papero mi sono ricordato dei tuoi post. Ho riso con superbia perché credevo che fossero tutte fandonie. Tuttavia, ho preso in braccio mia figlia L. e insieme ci siamo fatti ritrarre davanti al Papero. Dopo pochi minuti un bip dal cellulare mi ha segnalato un sms, ho aperto il telefono e puoi immaginarti la sorpresa quando ho letto:
“VEDAFONE – hai vinto una ricarica omaggio da 30.000 euro.”
Così ho chiamato un numero a caso e stiamo parlando da 5 giorni.
Ti mando la mia foto con L. davanti al Papero.

Ora credo.

Alessandro da Bologna

***

Caro Stranigiorni, l’altra sera stavo facendo un barbecue in giardino e distrattamente pensavo ai tuoi post sul Papero. Un sorrisetto altezzoso faceva bella mostra sul mio viso. Pensavo ti fossi inventato tutto e mentre giravo le braciole, ripetevo mentalmente i numeri 4 – 8 – 15 – 16 – 23 – 42.
Ad un certo punto, visto che ero indietro con la cottura, ho versato un po’ di benzina sulle braci, per accelerare. Puoi immaginarti la sorpresa quando il barbecue ha preso fuoco, incenerendomi i capelli e le sopracciglia, ma soprattutto lo spavento quando nelle fiamme ho visto ciò che ti allego.
A me sembra di scorgere qualcosa, ma non sarà il solito complotto?

Franco da Trieste

***

Ciao Stranigiorni, sono Fiorella Pierobon, e ho pregato al Papero perché nessuno mi fa più lavorare. L’altro giorno è arrivato uno con i baffi in casa mia e mi diceva che mi faceva fare a Sanremo, però dovevo essere brava. Io non capivo, così lui si è slacciato i pantaloni. Io non ero tanto sicura e così ho pensato ‘Papero pensaci tu’ così l’uomo con i baffi si è trasformato in un pupazzo di Italia 90.
Il giorno dopo mi ha chiamato Baudo dicendo che voleva farmi fare un programma e rilanciarmi, ma io non gli ho creduto e ho messo giù. Poi ho visto a studio aperto che il programma lo faceva con la Golia, così ho preso il whisky Despar e me lo sono finito.
Ora chiedo al Papero che torni di moda questa camicetta.

F.P.

Annunci

Comments (3)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: