armageddon

Una delle cose che odio di più ultimamente sono i GC.
Prima non li odiavo, ma solo perché non ero una loro preda.
Ora mi braccano, e in questo modo si meritano il mio odio. E le mie rappresaglie.
La scena in cui mi ritrovo è sempre la stessa: sono alla Coop e sto guidando il mio carrello. A me piace guidare il carrello, perché lo uso come monopattino. Mi do la spinta e poi ci salgo con i due piedi. E si, cazzo, sono felice. Poi ultimamente quando ho M a bordo ovviamente il divertimento è maggiore, perché mentre schizziamo a canna lei prende il lettore di barcode in dotazione e, come debitamente istruita, punta il laser dritto nella cornea delle vecchie, accecandole permanentemente.
Insomma, una banale attività padre/figlia potrebbe pensare qualcuno, ma si fotta, a me piace.
Ma. Da un po’ di tempo, i GC hanno iniziato a darmi la caccia.
La scena è sempre la stessa. Mentre sfrecciamo come jedi, accecando vecchie a nastro, verso la fine del reparto frutta, una figura si staglia. Il GC. Il genitore coglione.
Il genitore coglione è solitamente maschio, brutto, vestito con una tuta di triacetato verdina che lo fa sembrare un grosso uomo-cetonia. Inoltre è basso e non è più giovanissimo. Il genitore coglione, essendo genitore, ha prole al seguito. La prole, in genere di 1 anno e mezzo, viene trasportata su carrozzina a tre ruote, costata uno stipendio, e solitamente è sovra-vestita. Il colorito rosso scuro e l’immobillità dell’infante ne testimoniano il sistema circolatorio già compromesso. La temperatura dentro le sue due tute di è di 80 gradi: il bambino è completamente inerme e ostaggio del genitore coglione.
Quando ti vede, e nota che anche tu hai una bimba, il GC inizia a sorriderti da 50 metri e tu pensi, ‘cazzo vuole questo’ guardandoti intorno, e la sua bocca si apre sempre di più, sempre più, lui inizia a virare la sua ammiraglia a tre ruote, con sopra il meteorite incandescente che è (era) suo figlio e tu tenti di frenare e invertirti, ma la sua bocca si apre ancora di più, mentre si avvicina e tu inizi ad avere paura, perchè rapidamente ti rendi conto che vuole te, che vuole LA TUA AMICIZIA.
Quando ti raggiunge ha la faccia trasfigurata da un’inusitata gioia.
“Guaaaaarda che beeeella bimba!”
“Eh. si”, rispondi cercando una scusa per fuggire.
“Guaaaaarda”, si rivolge al fagotto fumante che tiene nella tre ruote, “Guaaaaarda…”
A questo punto in genere chiudo gli occhi, come si fa quando si aspetta un boato. Come si fa quando ti stanno per tirare un pugno. Perché so che sta arrivando. La domanda che odio. La domanda senza senso per antonomasia.
“Ciao, bella biiiiimba… come ti chiaaaami?”
Il pugno è arrivato anche questa volta, forte e deciso. Bum. E io sono basito, la domanda è arrivata. Stupida come le altre volte. Ma che cazzo di domanda è? Perché, perché, perché! Perché dobbiamo inscenare questa penosa pantomima per cui io adesso dovrei rispondere “mi chiamo M” magari facendo la VOCINA, poi tu, mentre armageddon nella tua carrozzina ti fa cenno con gli occhi che vuole andare a casa, magari aggiungi anche “quanti anni hai?” e se non rispondo tu chiedi ancora “quaaaaanti anni hai?” finchè non faccio la VOCINA e …
No cristo, non ci sto.

Do un colpetto nella schiena a M e lei fa partire il registratore:
“Sono M e ho 40 anni, coglione. E ho la malattia di Arnold.”

Annunci

5 commenti »

  1. viva le derapate tra i barattoli di pelati.

  2. ehheheheh bellissimo blog! complimenti… grande l’articolone sui GC ehehehe ci continuo a riderci sopra

  3. x CC: derapate housewives

    x SU: grazie. continua pure.

  4. skunk said

    Dopo un po’ svilupperai naturalmente la capacità di deviare immediatamente dai percorsi minati dei genitori patinati. E’ un fatto antropologico, ti assicuro.

  5. super said

    Un giorno ero in un iper con tutta la figliolanza al seguito (e sono 4) ……si avvicina un tipo, con un leggero sorrisino dipinto sul volto (stile monna Lisa)……subito l’ho riconosciuto! la sua identità era chiarissima, una luce si è accesa e mi si è palesato tutto, glielo leggevo dentro chi era. Avevo un pensiero all’interno della testa che continuava a rimbalzare : “E’ un GC, è un GC, è un GC, è un GC, è un GC, è un GC”. Grazie SG che hai cambiato la mia vita, grazie per i tuoi insegnamenti, finalmente anch’io adesso posso fare derapate fra i pelati!

RSS feed for comments on this post · TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: