Professor Plum

Dopo
la Trilogia dell’Odio, è giunto il momento, vista la quaresima, di
andare a Canossa e ristabilire qualche sinapsi umana degna di prosa e
di perdono divino.
Parlerò di un dio. Uno minore. Ausiliario, supposto, ma pur sempre
illuminato di sapienza e infinitamente buono. Un dio che mi ha reso
migliore, certo, e più attento. Sono lontani i giorni in cui non lo
conoscevo e aprivo le confezioni di cibo come un vichingo, strappando
la plastica, lacerandola irrimediabilmente e condannando il contenuto,
fosse esso formaggio, panettone, marijuana ad una morte lenta e triste
per dissoluzione dell’aroma e smarrimento di freschezza. Ah, quanto ero
sciocco, se solo potessi tornare indietro… Ogni mattina, invece,
adesso che ho la fede il mio pastore mi indica la via da seguire.
Prendere le forbici, tagliare dritto come un fuso la confezione, con
chirurgica perizia, estrarre e tric tric, riavvitare il filino di ferro
salvafreschezza e con esso la mia anima, un tempo sfilacciata come
palme secche. Ora che sono saggio i miei cibi durano più a lungo e P
non si arrabbia. P non mi picchia più da quando sono devoto a lui. E
ogni mattina il rito si consuma e con esso il suo corpo, dio fedele e
sapiente. Il dio di questi tempi è il plumcake del mulino bianco. Tre
morsi, piccolo, grande, piccolo. Metafora delle fasi dell’uomo di
edipica memoria. Il primo lo saluta, compìto, il secondo lo gusta,
assorto e compiaciuto, il terzo lo loda e lo rimpiange fino alla
prossima funzione.
Che arriverà presto. Due porzioni vanno consumate, speculari,
palindrome, allegoriche. Yin e Yang vitali. Complementari. Il plumcake
insegna armonia, continenza e dominio di sé.

Il plumcake è vita. Convertiti al plumcake.

Annunci

9 commenti »

  1. ............ said

    ………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..

  2. preci said

    no carissimo. te ti sei bruciato il cervello. fisso.

  3. Farewelll said

    spettacolare.

  4. Miss TicoTico said

    no, il plumcake ti prosciuga ogni linfa vitale; ti procura secchezza delle fauci, se ti va fatta bene, altrimenti ti fodera il cavo orale come ad insonorizzarlo, per smorzare l’ultimo girdo d’aiuto che si leva puntuale: “Acquaaaa!!!”.
    no, non credo che il plumcake sia cosa buona e giusta.

    approvo invece un’accurata chiusura delle confezioni (anch’io sono per le maniere forti con chi non rispetta questa prassi…).

  5. bARBI said

    giusto chiudere le confezioni col salvafreschezza….anche in ambienti lavorativi (vedi pandoro indurito)
    d’ora in poi ti picchierò anch’io.
    E magari sarebbe carino parcheggiare fuori dall’ufficio in maniera intelligente cosicchè anche i colleghi ritardatari possano trovare un m isero buco….
    ma capisco che non è nella tua natura…

  6. stranigiorni said

    Il pandoro l’ha lasciato aperto la Simo.

    Questo è noto.

  7. preci said

    uh!!!

  8. Kermit said

    fantastico :)!

  9. Il giovane Peano said

    fantastico kermit invece!
    lo sto riscoprendo, è un grande

RSS feed for comments on this post · TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: