F.E.A.R.

Quando è stata l’ultima volta che
avete avuto paura? Non paura in senso lato, non prosaica e ciellina paura di
questo mondo di merda, delle guerre, dell’aids, dell’aida, degli tsunami…
(perchè diciamolo chiaramente: al 99% tu che stai leggendo non morirai in
guerra, di tsunami, o terremoto… finirai la tua vita in pantofole, mangiando
semolino freddo, con un decoder digitale terrestre infilato nel culo), ma paura
quella vera, quella nera, la sana fottuta paura dei bambini, la paura di quando
si scendeva in cantina, al buio a prendere il vino, la paura ancestrale, la
paura dei mostri, la paura di profondo rosso, la paura – ammettiamolo – di the
ring (che quando ho visto il flashback della tipa spappolata nell’armadio, mi
si è seccato lo scroto)… quando avete avuto paura, ultimamente?

L’altro giorno. Stavo facendo
delle foto in una casa abbandonata, erano le due del pomeriggio e tutto era
immerso nella nebbia. Nebbia e luce biancastra, di un pomeriggio invernale
altrimenti soleggiato. Avanzavo, schiacciando rami secchi ed erba gelata, verso
le mura spoglie. Atterrito dalla possibilità di trovarci delle sgradite
sorprese, mi chiedevo chi fosse al corrente della mia presenza li. Nessuno. Non
mi avrebbero trovato mai. Ogni tanto mi voltavo e vedevo, sbiadita dalla
nebbia, la mia macchina, ferma nella strada sterrata deserta. Tutt’intorno il
niente, la campagna e qualche albero.

Mi sentivo David Hemmings: in
Profondo Rosso, per la location affascinante e sinistra, in Blow Up, per via
della Nikon che stringevo nervosamente.

Alla fine ho fatto poche foto,
perché me la stavo facendo decisamente sotto. Ho respirato un po’ di aria
gelida, inquadrato mura e stipiti divelti e senza aspettare l’arrivo di Faccia
di Cuoio me ne sono tornato a gambe levate verso la Clio ammaccata, che
ammiccando con le quattro frecce, rassicurante mi aspettava.

Mentre tornavo al lavoro.
Sorridevo.

Era andata in scena, la paura.

Annunci

7 commenti »

  1. Nikee said

    devi assolutamente postare le foto.
    paura eh? vediamo…quando nel cimitero monumentale di menton (francia) d’improvviso mi si è parata davanti una tomba con una voragine, dentro la quale si poteva vedere la bara antichissima.
    mi si è raggelato il sangue, ricordo di aver persino urlato.
    Nikee

  2. preci said

    quando mi sono schiantato col volvo. vedevo l’airbag sgonfiarsi. un palo in calcestruzzo emergere. e sangue dappertutto. le gambe che non si muovevano. era la paura a non farle muovere.

    PS: bellissimo il primo pezzo del post.

  3. amboy said

    La prima volta che il pianoforte di casa mia ha suonato da solo.

  4. Miss TicoTico said

    approposito di paura come senso di smarrimento: nel caso non fossi aggiornato sul grande papero della mop, sappi che è ancora là, anzi l’han messo in bella vista all’entrata (cioè non più all’inizio degli scalini, in quell’angolo come se fosse in castigo).
    insomma, per ora almeno su questo puoi stare tranquillo: lui è (ancora) là che ti/vi aspetta.

    ossequiosamente,

    MTT

    PS: non male questo parziale cambiamento della grafica; come forme e colori mi ricorda un po’ una cameretta per bambini …. ;o)

  5. stranigiorni said

    o una scatola dell’HP

  6. John M said

    Argomento interessante.
    D’accordissimo sulla cantina: da sola mi evoca svariati ricordi da “cagati-addosso” (vedi QualDalOch che mi si para davanti, di notte, mentre metto via il motorino).
    Ma oggi è più difficile rivivere simili sensazioni di terrore puro.
    L’ultima volta sarà stata un paio d’anni fa. Ricordo esattamente il momento. E’ stato quando, improvvisamente, come una rivelazione, mi è venuto in mente dove potevo aver messo quel famoso vitello tonnato, quello che ci aveva dato 6 mesi prima mia suocera. Ed era lì.
    Ma tutto questo è niente paragonato a quella volta che ero intrappolato nella casa di Frankeinstein! (SG, non so se mi puoi capire…)
    Brrr…

  7. stranigiorni said

    ti capisco… come dimenticare quei momenti…

    oppure quanto LY ci beccò, facendosi beffe di noi…

RSS feed for comments on this post · TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: