Oro

Ieri sono tornato a casa dal lavoro e avevo fame. A volte capita.

Guardo nel frigo, vuoto. Guardo nella dispensa, vuota. Credenza, vuota. Mobile in basso, vuo… no, anzi, Lo vedo. Brividi. Richiudo. Mobile in alto, vuoto. Cassetta medicine, vuota. 

Mi siedo, scorato. E affamato.

Mi fumo una sigaretta, per far passare la fame. A volte funziona. Volta no.

Bevo un bicchier d’acqua. A volte funziona. Volta no.

Ho ancora fame.

Mi avvicino al mobile in basso, riapro piano lo sportello, la luce entra e Lo illumina. Totemico monumento al nulla. Potrei mangiarLo, il pensiero mi fa sorridere. E mi spaventa.

Lo prendo, tolgo la polvere e leggo: Oro Ciok.

I ricordi mi portano lontano. A quando questa cazzo di merendina entrò nella mia casa.

C’era il sole e avevo comprato una confezione da 8 di Oro Ciok. Sette vennero via via mangiati, con avidità, con compiacenza per la loro freschezza.

Ne rimase uno, a sfidare i secoli. Giorno dopo giorno, passarono i mesi. Lui era sempre li, e avvizziva piano. A volte cadeva, quando distrattamente qualcuno prendendo un piatto dal mobile lo urtava. Ma veniva ricollocato, in attesa di tempi migliori.

L’indifferenza sfociò nell’accanimento terapeutico. Vigilia di un viaggio a Barcellona: mia moglie lo prende, così lo mangiamo sull’aereo. Il pacchetto subisce urti, ma non viene consumato. Beh, mettiamolo nello zaino, così lo mangiamo mentre giriamo. Il pacchetto subisce temperature altissime, ma non viene consumato. Mettiamolo nella borsa, così lo mangiamo in spiaggia. Il pacchetto subisce umidità, ma non viene consumato.

L’oro ciok tristemente torna in Italia, sfigurato, e viene riposto nel mobile in basso, ormai oggetto di scherno da parte mia e di mia moglie.

 

Fino a ieri. Affamato, ormai allo stremo delle forze, apro la confezione. Il cioccolato si è sciolto e ha trasformato il tutto in un bolo opaco e informe. Sospiro e lo addento. Mi viene da piangere.

Oggi ho perso un amico.

Annunci

5 commenti »

  1. RADICE said

    divertente, ciao Stranigiorni…

  2. Ziobaldone said

    Sei veramente FUORI!
    Dai, vedila così, il tuo amico ora fa parte di te!!!

  3. Kat said

    ehehe,ma siamo sicuri che non era andato a male!!?? 😉

  4. PensieroFantasma said

    La tua fantasia è sorprendente 🙂

  5. Super said

    E’ come la scomparsa di una Luisona…….ti lascia un vuoto incolmabile! Io e la mia Super abbiamo ospitato in casa nostra una “torta” di mele, un disco di conglomerato bituminoso dal quale facevano capolino pezzi di mele mummificate, per parecchi mesi, ha abitato con noi, nella nostra sala (non c’era piu’ bisogno di tenerla in frigo), ha condiviso con noi gioie e dolori…..poi gli abbiamo fatto il funerale. Ma la nostra casa non era piu’ quella di prima…..quando eravamo una famiglia felice!!

RSS feed for comments on this post · TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: